calcio

Roma, Pallotta furioso: squadra in ritiro

I giallorossi sono tornati in pullman da Bologna per evitare contatti con i tifosi, Di Francesco: "Testa bassa e pedalare". De Rossi lo difende

James Pallotta - Foto www.imagephotoagency.it

20:34 - 23 Settembre 2018
La sconfitta di Bologna rischia di far scoppiare un terremoto in casa Roma. I giallorossi, dopo il ko per 2-0 al Dall'Ara, sono tornati in pullman, invece che in treno, per evitare contatti con i tifosi, che già durante la partita, con numerosi cori (“andate a lavorare”), hanno messo in mostra il loro disappunto. Infine, la decisione della società e del presidente Pallotta: squadra in ritiro. A romapress.us, il numero uno del club capitolino non ha usato giri di parole per commentare la sconfitta. "Sono disgustato".
 
A metterci la faccia sono il tecnico Eusebio Di Francesco ed il capitano Daniele De Rossi. “Spetta a me trovare soluzioni e non ci sono riuscito - dice amaramente l'allenatore della Roma - c'è poca solidità difensiva, stiamo facendo figuracce. Giusta la contestazione e giusto essere in discussione, i risultati ci condannano. Dobbiamo solo stare zitti e pedalare. Non abbiamo concretizzato, sbagliando anche ad un metro dalla porta. Manca qualcosa, cambierò e cercherò la soluzione giusta, ma non mi piace cercare alibi".
 
Le colpe, però, nono sono tutte da attribuire al tecnico. Questo il pensiero di Daniele De Rossi a Sky Sport: "Lui è lo stesso che l'anno scorso ci ha portato in semifinale di Champions. Non è l'unico colpevole, non serve Guardiola per battere Chievo e Bologna. L'esperienza mi dice che ne usciremo fuori, abbiamo già vissuto questi momenti e li abbiamo sempre superati. Dobbiamo fare molto meglio. Il mister dovrà cambiare sicuramente qualcosa, ma quando le cose vanno male non si salva nessuno. non è certo questo il momento di dare la colpa esclusivamente all'allenatore".

Powered by


Ti Consigliamo

Segnalazioni e Consigli