Serie A

POWERED BY SPORT.IT

La squadra di Guidolin merita ampiamente la Champions League

Udinese, profumo d'Europa

Friulani nell'Europa che conta, cronaca di un successo. E ora il futuro. Attenzione a due rischi, il logoramento e lo smembramento della squadra, il caso Sampdoria

serie a calcio 2010 2011,udinese calcio,milan calcio  LaPresse La festa esplode colorata, rumorosa, strappa i lembi della compostezza friulana. Udinese quarta e di nuovo in Champions League, altro miracolo di provincia, e che miracolo: all’inizio della stagione la squadra di Guidolin sembrava autentica candidata alla retrocessione, inevitabile dopo aver infilato quattro sconfitte di fila nelle prime quattro partite, con la prima vittoria che è arrivata solo al sesto turno (1-0 al Cesena).

Ma no, bisognava solo trovare la quadra. La qualità alla fine è uscita fuori, e dal punto di vista tecnico complessivo l’Udinese ne esprime parecchia. Dal portiere specialista para-rigori Handanovic a Di Natale, che ha fatto 57 gol in due stagioni e che in estate rifiutò la Juventus. Passando per Benatia, Zapata, Isla, Inler, Asamoah, Armero. E ovviamente lui, Alexis Sanchez: seconda punta cilena che piace a tutto il mondo.

La macchina costruita da Guidolin - che ha avuto il coraggio di puntare su una coppia di attaccanti, Di Natale e Sanchez, bassi, tecnici e ben poco muscolari - è stata pressocché perfetta. Ha impiegato un po’ di tempo per mettersi in moto, poi non si è più fermata. Mossa da una forza intrinseca, e dall’entusiasmo. Entusiasmo per un obiettivo che era via via sempre più a portata di mano, per una squadra giovane e costruita pezzo dopo pezzo non con la forza bruta del potere economico, ma con il talento di chi gira il mondo a scovare talenti, li prende, li assembla, gli dà una struttura di squadra e poi li manda in campo.

Ora l’Udinese deve stare attenta a due pericoli. Il primo: la Champions League inevitabilmente risucchierà energie, tanto più che bisogna partire dai preliminari e dunque impostare la stagione che verrà in modo particolare. Chievo negli anni passati e la Sampdoria oggi hanno pagato a caro prezzo le loro velleità europee, passando in una manciata di mesi dalle stelle della Champions alle stalle della Serie B.

Il secondo: l’Udinese fa gola a tutti, e mezza Europa si prepara ad assalirla per smembrarla, portandone via i pezzi migliori. Inutile dirlo, a cominciare da Alexis Sanchez. Solo in Italia ci sono Juventus, Inter, persino il Napoli. Ancora, ritorna il monito della Sampdoria. A gennaio ha venduto Cassano e Pazzini e la barca è affondata nei gorghi della retrocessione.  

  • francesco guidolina

    |
  • preliminari champions league

    |
  • udinese calcio

    |
  • serie a calcio 2010-2011

    |
  • francesco guidolin

 

I MIGLIORI 11 DELLA 11esima GIORNATA

I MIGLIORI 11 DELLA 37esima GIORNATA
Num Nome Ruolo   Squadra Ultimo Voto
1 handanovic por   inter 6,5
2 ranocchia dif   inter 9,5
3 de silvestri dif   sampdoria 8,5
4 albiol dif   napoli 6,5
5 cerci cen   torino 10,5
6 jankovic b. cen   verona 10
7 alvarez r. cen   inter 9,5
8 borja valero cen   fiorentina 9,5
9 berardi d. att   sassuolo 16,5
10 palacio att   inter 10,5
11 callejon att   napoli 10
 
SCHEDE CORRELATE

ADV

LE STATISTICHE di SERIE A

Tutte le statistiche >
GOL
GOL FATTI
4o Inter 27
1o Roma 25
2o Napoli 24
3o Juventus 23
6o Fiorentina 22
Cartellini
GOL SUBITI
18o Sassuolo 27
16o Bologna 22
17o Sampdoria 20
12o Torino 19
19o Catania 19
SELEZIONA UNA COMPETIZIONE

NEWS

 

VAI A TUTTE LE NEWS >
CERCA SCHEDE
INFO QUOTE Scommesse