calcio

Serie C, caos Vicenza: non gioca e i tifosi bloccano la Berretti

La prima squadra sciopera ma viene bloccata la partenza dei ragazzi verso Padova

- Stopframe Youtube

21:58 - 13 Gennaio 2018
Il Vicenza Calcio è nel caos più totale. La partita di Coppa italia di Serie C tra Paova e Vicenza, in programma oggi allo stadio Euganeo, non si è giocata. La società veneta infatti, dopo lo sciopero della prima squadra per il mancato pagamento degli stipendi, aveva scelto di far disputare il match alla formazione Berretti guidata dal tecnico Zanini. Il problema è che il bus dei ragazzi diretto verso Padova, è stato bloccato dalla protesta di più di cinquecento tifosi che hanno di fatto impedito la partenza della squadra facendo annullare di conseguenza il match. 
 
Il tecnico Zanini ha comunicato ai tifosi che la scelta era dei giocatori, che avrebbero deciso di aderire alla protesta, la società invece imputa la rinuncia a una decisione della Questura. Questo il "confuso" comunicato ufficiale del club, in cui ci viene citata anche la "libertà di pensiero": "A fronte della presenza di donne e bambini, le forze dell’ordine fanno sapere di non aver abbastanza personale che possa garantire la possibilità d’uscita del pullman e che non sarà fattibile la sua partenza. La questura segnala oltre 1000 persone davanti al cancello, dalle foto e dalle dichiarazioni di alcuni giornalisti presenti sembrano decisamente meno, circa 300. A fronte della circostanza creatasi la partita dovrà intendersi a tutti gli effetti annullata. Ci riserveremo di quantificare i danni e di individuare i responsabili degli stessi. Vicenza Calcio si ritiene rammaricata del comportamento non giustificato da parte dei tifosi in quanto coloro che erano stati scelti per disputare la partita in evento sono comunque tesserati della società. L’aver limitato la libertà di scelta di questi ragazzi, riteniamo sia decisamente lesiva della libertà di pensiero degli stessi".
 
La Questura di Vicenza ha risposto nel pomeriggio al comunicato della società precisando "di avere affrontato la situazione creatasi stamattina allo Stadio Menti in maniera e con risorse adeguate rispetto alle circostanze. Le forze dell’ordine hanno costantemente presidiato l’intera area, in cui erano confluiti numerosi tifosi che manifestavano pacificamente la propria contrarietà alla trasferta ed una cui delegazione ha incontrato rappresentanti del Vicenza Calcio e giocatori presenti. Questi mai hanno formulato richiesta di uscire per andare a Padova. Piuttosto, giocatori e staff, che avevano autonomamente deciso di non effettuare la trasferta, hanno raggiunto i tifosi all’esterno dell’impianto sportivo".

Powered by


Ti Consigliamo

CERCA RISULTATI E CLASSIFICHE




RISULTATI E CLASSIFICHE DILETTANTI





Segnalazioni e Consigli