Come proteggere i capelli dagli effetti del cloro

piscina
Istockphoto

I capelli si seccano e sfibrano dopo la piscina? Ecco alcuni consigli

Per chi pratica il nuoto regolarmente avere delle chiome morbide, vigorose e lucenti può diventare una chimera. Il cloro infatti è un nemico giurato dei capelli, specialmente di quelli tinti. Ad esso si aggiungono i lavaggi frequenti, le asciugature con phon spesso di ‘annata’. Rinunciare ad un’attività così salutare per avere chiome vigorose non è un compromesso valido, dunque l’alternativa è semplicemente prevenire e curare. Cloro e capelli non vanno d’accordo, ma con alcuni interventi si può tenere la situazione sotto controllo.

9,99€
disponibile
4 nuovo da 9,00€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 20 Marzo 2019 07:51

Cloro e capelli, nemici giurati

Il cloro, il disinfettante che viene disciolto nell’acqua, aggredisce la parte più esterna dei fusti rendendoli deboli, secchi, togliendo luminosità. Inoltre chi ha i capelli tinti sa bene che l’esposizione costante a questa sostanza finisce per variare la tonalità delle chiome, spesso con risultati per nulla gradevoli (il biondo vira al verde, il castano all’arancio). Spesso si consiglia di mettere del balsamo sui capelli e non risciacquarlo prima di entrare in vasca, oppure un olio vegetale, ma molti impianti chiedono esplicitamente di non farlo – giustamente – per non ungere l’acqua. È tuttavia utile bagnare i capelli prima di immergersi, con semplice acqua dolce: in questo modo il fusto del capello tende a sigillarsi lasciando penetrare meno il cloro. Usare cuffie in silicone può rivelarsi più utile di impiegarne una in tessuto, perché questo materiale isola meglio il capello dall’acqua della piscina.

Ultimo aggiornamento il 20 Marzo 2019 07:51

Una volta fuori dalla vasca, è importante risciacquare bene i capelli con acqua tiepida, non troppo calda o li seccherete ancora di più. Purtroppo spesso gli impianti sono vetusti e la scelta della temperatura non è un’opzione: in questo caso meglio fredda che bollente. Risciacquate a lungo, e procedete quindi con il lavaggio utilizzando un detergente specifico, a base oleosa e con pochi tensioattivi (ovvero, uno shampoo che fa poca schiuma). Sono prodotti particolarmente nutrienti e idratanti. È sempre fondamentale applicare il balsamo, che sigilla i fusti e li rende luminosi, ma anche in questo caso un prodotto specifico anti-cloro sarà utile.

A casa applicate impacchi con oli vegetali (di semi di lino, di cocco) o maschere ristrutturanti una volta alla settimana. Infine, evitate il phon troppo diretto e con temperature alte: meglio lasciare che i capelli asciughino all’aria. Se ciò non fosse possibile tenete l’asciugacapelli il più possibile lontano dalle chiome – almeno a 20 centimetri di distanza. Evitate di infierire ulteriormente con piastre e prodotti fissanti.

Il cloro secca anche la pelle, ecco come evitarlo