Scuola sci, come sceglierla?

Scuola sci
Istock

Quale soluzione si adatta meglio alle vostre esigenze? Perché fidarsi di un maestro piuttosto che di un altro? Ecco alcuni consigli utili

La scuola sci è una parte fondamentale della settimana bianca o del tempo passato sulla neve. Sì perché è la dimensione sportiva ed educativa per eccellenza che insegna ai più piccoli come sciare dal punto di vista tecnico e come farlo rimanendo in sicurezza. Parliamo insomma di un momento che ha tante caratteristiche. Quella della socialità, quella dell’apprendimento e ovviamente anche quella del movimento e della fatica fisica. Siccome è un ambito molto delicato, molti genitori si chiedono come scegliere la scuola sci giusta e cosa chiedere all’organismo che è un po’ un’istituzione delle nevi.

Ecco alcuni consigli pratici per orientarsi tra le tante soluzioni possibili.

LEGGI ANCHE: Voglia di discesa? È ora di cambiare i bastoncini da sci

Scuola sci: i consigli per sceglierla senza rischi

Partiamo dalla figura del maestro. Il maestro di sci è una figura molto importante della scuola e la figura umana che materialmente sta accanto ai bambini sulle piste e nel momento in cui non sono vicini ai genitori. Ci sono maestri più burberi, molto attenti all’insegnamento della disciplina e a far applicare le regole di sicurezza in pista e ci sono maestri che pur conservando queste priorità danno anche spazio alla dimensione del divertimento. Così per capire che tipo di carattere e stile di insegnamento fa per voi, provate a chiedere tramite il passaparola a qualcuno degli altri genitori. Magari uno di loro saprà indirizzarvi meglio verso un insegnante in particolare misurando il tutto dalla propria esperienza personale.

Ultimo aggiornamento il 11 Dicembre 2019 15:25
22,56€
25,95
disponibile
5 nuovo da 14,90€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 11 Dicembre 2019 15:25

Importante è anche l’età del primo corso. Diciamo che è possibile far prendere confidenza ai bimbi con la neve anche da molto piccoli, intorno ai cinque anni. Di solito anche a questa età la modalità di insegnamento è giocosa e prevede l’impiego di canzoni e momenti di socializzazione pieni di brio. Anche a tre anni si può cominciare a far prendere confidenza ai piccoli con la montagna, anche se qui si parla soprattutto di piccoli esercizi sulla neve e non di una vera e propria discesa in pista.

Ore consigliate e attrezzatura conforme alla normativa

Sul versante delle ore invece, gli esperti consigliano che fino ai 6/7 anni il corso debba durare più o meno due ore. Questo perché la capacità di concentrazione non è lunga nei piccoli e per non stancarli troppo è meglio un approccio graduale allo sci.

Infine il capitolo attrezzatura. Se vi affidate a un noleggio assicuratevi che tutta l’attrezzatura, casco incluso, siano di buona qualità e in conformità con gli standard richiesti dalla normativa.