Come scegliere le scarpe da rugby?

scarpe da rugby
istockphotos

Quando si acquista una scarpa da rugby occorre tenere in considerazione alcuni fattori

Il mondo delle scarpe da rugby è più vasto di quanto un neofita possa immaginare. Non si tratta semplicemente di calzature con i tacchetti. Ci sono molte caratteristiche che è importante considerare, e nessuna ‘guida’ sarà mai esaustiva come la pratica. Ma proviamo a riassumere le principali peculiarità di una scarpa da rugby per chi si avvicina per le prime volte a questo sport, o per chi ancora sente di non aver trovato la sua calzatura ideale.

Ultimo aggiornamento il 24 Agosto 2019 13:20

Scarpe da rugby, i tacchetti prima di tutto

Innanzitutto, la scelta delle scarpe da rugby dipende da due fattori principali: il ruolo del giocatore e il tipo di terreno. Mentre il primo è più o meno fisso, il secondo può cambiare (semplicemente di stagione in stagione, a volte).  Quindi può essere utile averne due paia: uno adatto a terreni asciutti e uno a terreni fangosi. In generale, è importante puntare sulla qualità, scegliendo calzature prodotte da marchi o da linee dedicate al mondo del rugby. In uno sport già di per sé non esente da rischio di infortuni, avere una buona stabilità può fare molto la differenza. Sia in termini di sicurezza che di abilità nel gioco.

60,74€
60,79
disponibile
1 nuovo da 60,74€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 24 Agosto 2019 13:20

Più tacchetti ha la scarpa, più vi sarà adesione al terreno, naturalmente. Tra le opzioni sul mercato, ci sono modelli con tacchetti in gomma (fissi), tondi e corti, ottimali per quando il terreno è asciutto, compatto ed erboso. E modelli con tacchetti più appuntiti e lunghi, migliori quando il campo è fangoso. Si adattano piuttosto bene a tutti i ruoli, ma chi gioca in seconda e terza linea, gli avanti, dovrà scegliere modelli con più tacchetti (11, 12, 13) per avere più presa nel momento di spingere in ruck e in mischia. Al contrario i tre quarti preferiranno una scarpa più agile, con meno peso, che permetta di scattare e cambiare velocemente direzione. Ecco che può essere utile scegliere un modello con meno tacchetti (da 10 in giù) e magari a lama, che abbiano meno superficie di attrito con il terreno. Alcuni modelli propongono i tacchetti a triangolo o altre forme che sono una via di mezzo tra una scarpa stabile e una da velocità. Esistono poi scarpe con tacchetti intercambiabili, che si avvitano semplicemente per poter aumentare o diminuire di numero in base al tipo di terreno. E altre super-pro con tacchetti misti in alluminio e gomma.

La tomaia

Naturalmente anche la tomaia e il modo in cui veste fa la differenza in base al ruolo in cui si gioca. Gli avanti dovrebbero optare per un modello che avvolga bene il tallone, di modo che quando occorre spingere il piede e la caviglia abbiano una base stabile. Mentre i tre quarti potrebbero preferire scarpe con la tomaia leggera ma resistente sulla parte superiore, per calciare la palla.