Mazzarri senza Belotti, il Cagliari sogna il colpo

Mazzarri
Getty

Da una parte i sogni europei, dall’altra una salvezza ormai vicina. Torino e Cagliari, Mazzarri e Maran: un incrocio che mette due squadre diverse, che però vogliono fare punti per continuare a marciare. I granata sono a tre lunghezze dal quarto posto, impensabile a inizio stagione. I sardi, invece, sono undicesimi insieme al Sassuolo con 36 punti, otto di vantaggio sulla zona retrocessione a sette giornate dalla conclusione. La partita sarà trasmessa in diretta streaming su DAZN, alle ore 12:30 di domenica 14 aprile.

Segui Torino-Cagliari live e in esclusiva. Inizia il tuo mese gratuito su DAZN

55,25€
disponibile
2 nuovo da 55,25€
Amazon.it
Ultimo aggiornamento il 15 Giugno 2019 14:52

Mazzarri senza Belotti, chance per Zaza

Squalificato Belotti, occasione dal 1′ in attacco per Zaza con a sostegno Berenguer e Baselli. A disposizione Ola Aina e Lukic, il primo potrebbe scalzare De Silvestri dalla fascia destra mentre il secondo insidia nel mezzo Meitè. In difesa si rinnova il duello tra Moretti e Djidji, con il primo favorito.

Ultimo aggiornamento il 15 Giugno 2019 14:52

Ricapitolando, Mazzarri proporrà il solito 3-4-2-1 con Sirigu in porta, protetto da Izzo, N’Kolou e uno tra Moretti e Djidji. In mezzo confermato Rincon, a suo posto potrebbe esserci Meitè, favorito su Lukic. A destra duello De Silvestri-Aina, fascia sinistra affidata ad Ansaldi. Zaza supportato da Baselli e Berenguer, vista la squalifica di Belotti e l’infortunio di Iago Falque.

Maran, un punto per inseguire la salvezza

Fermato per un turno Ceppitelli dal Giudice Sportivo, al centro della retroguardia spazio per la coppia Pisacane-Romagna. A centrocampo verso la conferma Faragò, in attacco Joao Pedro tallonato da Birsa per affiancare Pavoletti.

Quindi, sarà 4-3-2-1. Cragno in porta, Cacciatore e Pellegrini sulle fasce, con Pisacane e Romagna in mezzo. Cerniera di centrocampo composta da Faragò, Cigarini e Ionita. Barella e Joao Pedro alle spalle di Pavoletti. Ma non sono escluse sorprese, come per esempio l’impiego dell’ex Birsa dal 1′.