Corini sogna, la Serie A passa da Livorno

Corini
Getty

Vincere non è importante, è l’unica cosa che conta. Soprattutto quando alla fine del campionato mancano sempre meno giornate e centrare gli obiettivi non ammette errori. Il Brescia di Corini, capolista insieme al Lecce, ha giocato due partite in meno rispetto ai salentini. Nel posticipo contro il Livorno, terzultimo e alla disperata ricerca di punti, l’occasione di allungare sulle inseguitrici. La partita sarà trasmessa in diretta streaming su DAZN, alle ore 21 di lunedì 15 aprile.

Segui Livorno-Brescia live e in esclusiva. Inizia il tuo mese gratuito su DAZN

Livorno, difesa e attacco in difficoltà

Roberto Breda si presenta all’appuntamento dopo tre sconfitte consecutive. Un trend che ha riportato i labronici in zona retrocessione, al terzultimo posto. La salvezza diretta è distante quattro lunghezze, fare punti darebbe morale in vista della volata finale. I recenti ko contro Perugia, Cremonese e Cittadella portano in dote 10 gol subiti e appena due segnati. Servirà serrare le fila e far male davanti per invertire la rotta.

Il tecnico si affiderà al 4-3-1-2 con Zima tra i pali, protetto da Di Gennaro e Gasbarro, con Gonnelli ed Eguelfi a presidiare le fasce. In regia l’ex Juventus Luci, affiancato da Valiani e Agazzi. Vertice alto del rombo Alessandro Diamanti, alle spalle di Gori e Raicevic.

Corini, quando il fattore campo conta poco

Eugenio Corini ha creato un’armata in grado di perdere solamente due volte lontano dal Rigamonti. Nessuno ha fatto meglio in termini di ko esterni, solo il Palermo è davanti al Brescia invece dal punto di vista dei punti conquistati lontano da casa (26 contro 21), anche i lombardi hanno disputato sin qui una partita in meno. L’ultimo ko in trasferta risale al 2 marzo 2019: da allora, tre vittorie e un pareggio.

Merito anche della coppia gol Torregrossa-Donnarumma. Entrambi saranno titolari, supportati da Spalek nel 4-3-3 dell’ex allenatore del Chievo. Per il resto, Alfonso tra i pali, Sabelli a destra e Martella a sinistra, con Cistana-Romagnoli coppia di centrali. Cerniera di centrocampo formata invece da Bisoli, Tonali e Ndoj.