Curiosità sul tennis, 3 perché stravaganti ai quali rispondere

Curiosità sul tennis
Istock

Perché la pallina è gialla? Perché è realizzata in feltro? Ecco alcune risposte alle domande più comuni

Perché la pallina da tennis ha proprio quel colore? Perché si conta il punteggio usando la parola ‘love’? Perché non sappiamo mai abbastanza sul tennis e invece vorremmo sapere molto di più?

Una prima risposta a questo quesito risiede nel fatto che lo sport e il mondo culturale che gira intorno a esso è grande e affascinante. Il secondo, più emotivo, è che quando assistiamo a un match di tennis, spesso ci focalizziamo più sulle sensazioni piuttosto che sul conoscere tutti gli aspetti tecnici. A volte però un pensiero razionale si insinua tra il tifo e la mente.

E lascia spazio ai perché. Oggi abbiamo quindi scelto di spiegarvi tre curiosità sul tennis che magari non sapevate. Eccole.

13,90€
disponibile
1 nuovo da 13,90€
1 usato da 26,38€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 19 Agosto 2019 04:09

LEGGI ANCHE: Roger & Mirka. La coppia reale del tennis compie 10 anni

Curiosità sul tennis: dal colore della palla al punteggio

Per quanto riguarda il colore della pallina, forse vi sarà utile sapere che sulla tinta, (gialla o verde?), si sono rotte anche le amicizie più solide. Ultimamente il quesito ha diviso anche Twitter dove gli utenti sembravano polarizzati sulle loro posizioni. In realtà come altri colori, molto dipende dalla nostra percezione ottica, che non è uguale per tutti. Quindi molti vedono la pallina più gialla, altri più tendente al verde. Ma perché si è scelta questa tinta che comunque la pensiate è davvero molto fluo? Il nome delle palline ufficiali è optic yellow, un giallo fluorescente. In precedenza le palline erano bianche ma così non era facile distinguerle nel campo. Da qui l’idea di ‘accenderle’ per farle vedere meglio anche ai tecnici in campo oltre che al pubblico.

Zero? No, ‘love’

Spesso nelle partite capita di sentire la parola ‘love’. Non si tratta di una valanga di amore chiamata dall’arbitro ma della maniera in cui viene chiamato il punteggio zero. L’origine più probabile riguarda la storpiatura della parola francese l’ouef, uovo, come appare lo zero in forma grafica. Negli anni questa indicazione è diventa love in inglese. Per comodità o per appropriazione culturale. Quindi non sorprendetevi, al di là delle parole, qualcuno sta messo male nel punteggio.

Perché le palline sono rivestite di feltro?

Il tessuto peloso serve a due scopi. Il primo è quello di controllare meglio il colpo. La peluria permette di ‘agganciare’ per qualche decimo di secondo la pallina alla racchetta e così permetterle di non scivolare via. Il feltro permette anche un rimbalzo più controllato sul campo perché frena la pallina e le permette di non schizzare via in traiettorie incontrollate.