Corini spinge, Brescia sempre più vicino alla Serie A

Corini
Getty

Nella primavera inoltrata del 2011 il Brescia retrocede in Serie B. Sfiora la promozione due anni dopo, perdendo però la semifinale playoff. Passano due stagioni e i lombardi retrocedono addirittura in Lega Pro, venendo però ripescati. Nelle successive tre annate, anonimi piazzamente nella serie cadetta: un undicesimo posto e due quindicesimi. Fino alla stagione attuale, in cui la squadra di Corini è in testa con 60 punti, tre di vantaggio su un Lecce che ha già riposato e ha quindi disputato una gara in più. Insomma, il vantaggio è potenzialmente di sei punti, a una manciata di gare dalla fine. Il calendario mette di fronte ai biancoazzurri la Salernitana, che ha cinque punti di vantaggio sulla zona playout e non è quindi con l’acqua alla gola. La partita sarà trasmessa in diretta streaming su DAZN, alle ore 18 di lunedì 22 aprile.

Segui la Serie B live e in esclusiva. Inizia il tuo mese gratuito su DAZN

Ultimo aggiornamento il 20 Maggio 2019 04:52

Corini, un ritorno da grande

150,00€
non disponibile
Ebay.it

Corini è nato a Bagnolo Mella, in provincia di Brescia. Ha giocato tre anni nelle giovanili delle rondinelle, poi tre anni da professionista prima di vestire le maglie di Juventus, Sampdoria e Napoli. Quindi il ritorno a Brescia, in prestito, poi ancora lontano da casa: Piacenza, Verona, Chievo, Palermo e infine Torino. Una carriera, da allenatore, partita da Portogruaro, passata per Crotone, Frosinone, Chievo, Palermo, Novara e, infine, Brescia. In corsa, per altro La pessima partenza di David Suazo convince la dirigenza a chiamarlo. Firma il 18 settembre 2018 e a febbraio raggiunge un primo posto che a Brescia mancava da anni.

Ultimo aggiornamento il 20 Maggio 2019 04:52

Salernitana, difesa e contropiede le armi per il colpaccio?

La Salernitana però rischia di essere un avversario insidioso, dato che arriva da quattro trasferte in cui ha raccolto quattro sconfitte. Si sta giocando la salvezza, ma è comunque distante cinque punti dalla zona playout. Insomma, non avrà la frenesia di dover fare risultato per forza. Anzi, potrebbe attendere e colpire in contropiede.