Gattuso verso l’addio, ma prima il quarto posto

Gattuso
Getty

Impossibile pensare che uno come Gattuso, con il Milan tatuato sul cuore, possa pensare in questo momento esclusivamente alla conferma. La società sembra intenzionata a salutarlo a giugno, ma l’ex capitano vuole comunque centrare il quarto posto, riportando il club in Champions League. A prescindere da quello che succederà immediatamente dopo il triplice fischio dell’ultima partita di campionato. Attualmente l’Atalanta, quarta, è a tre punti di distanza. Restano da giocare tre giornate, matematicamente è ancora tutto possibile. Non sarà ovviamente un’impresa semplice: il Milan deve vincere le prossime gare, sperando nel passo falso dei bergamaschi. Il primo ostacolo per Piatek e compagni è la Fiorentina dell’ex Vincenzo Montella. Che proverà a togliersi lo sfizio di far svanire i sogni europei dei suoi vecchi tifosi. La partita sarà trasmessa in diretta streaming su DAZN, alle ore 20:30 di sabato 11 maggio.

Segui Fiorentina-Milan live e in esclusiva. Inizia il tuo mese gratuito su DAZN

Montella vuole fare lo sgambetto al suo passato

Frattura allo zigomo per Pezzella, al suo posto in difesa potrebbe esserci Ceccherini al fianco di Vitor Hugo mentre le fasce saranno occupate da Milenkovic e Biraghi. In attacco riecco Chiesa dall’inizio, al fianco di Muriel e Mirallas (in pole su Simeone). A centrocampo c’è da ovviare all’assenza per squalifica di Veretout, ballottaggio Gerson-Dabo per rimpiazzare il francese.

47,80€
disponibile
4 nuovo da 47,80€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 23 Maggio 2019 20:25

Gattuso cuore Milan, corsa per il quarto posto e poi addio

Emergenza a centrocampo in casa rossonera: squalificato Paquetà, inoltre frenato da noie fisiche Biglia che, però, in extremis fa parte dei convocati. Mister Gattuso potrebbe affidarsi a Josè Mauri in regia, visto il rapporto non idilliaco oramai con Bakayoko, con Kessiè ed il recuperabile Calhanoglu da una sofferenza muscolare all’adduttore ai suoi lati. Chance per Borini nel tridente con Piatek e Suso, mentre la difesa tornerà ad essere diretta da Romagnoli.

Ultimo aggiornamento il 23 Maggio 2019 20:25