Cotone o fibre tecniche? Cosa indossare per il fitness

Cotone e fibra, cos'è meglio
Istock

Un riassunto dei principali materiali usati per l’abbigliamento e delle loro caratteristiche tecniche

Estate, caldo, voglia di allenarsi ma anche di non farsi intrappolare dal sudore e dalla scomodità di un abbigliamento poco adatto. Già. Che cosa bisogna indossare per fare fitness senza che il calore eccessivo rovini la performance? Questo interrogativo è molto sentito dagli amanti sport. Spesso si chiedono quale tessuto sia più traspirante, se la microfibra, il cotone oppure specifiche fibre tecniche. Oggi proveremo a rispondere a queste domande e a consigliare gli sportivi caso per caso.

LEGGI ANCHE: Mondiali femminili, quel che c’è da sapere prima dello start

Cotone o fibre tecniche: ecco quali tessuti scegliere per lo sport

14,48€
25,00
disponibile
6 nuovo da 14,48€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 19 Agosto 2019 04:16
19,95€
23,91
disponibile
17 nuovo da 13,79€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 19 Agosto 2019 04:16

Non ci sono buone notizie per gli amanti del cotone, considerato un tessuto naturalmente idrofilo. Ovvero che assorbe l’acqua e la mantiene sul corpo, facendo in modo che le particelle non evaporino velocemente. Un po’ come avvertire  costantemente la classica sensazione di sentirsi sempre umidi, non certo l’ideale per non prendere freddo o colpi di vento quando ci si allena outdoor. Quindi passiamo ad altri materiali, sicuramente più idonei per l’allenamento.

Infatti vi consigliamo di puntare sulle fibre tecniche; così non vi sbaglierete di certo. Le sintetiche sono l’ultimo ritrovato tessile degli anni ’90. Sono impiegate in vari settori ma anche nell’abbigliamento hanno avuto un vero e proprio boom. Tra le più note per lo sport ci sono quelle in acrilico che oltre a essere leggere sono anche capaci di non essere penetrate da muffe e tarli e di resistere alla temperatura solare. Un posto di rilievo ce l’ha anche il poliestere; la fibra sintetica più diffusa. Essa ha modificato profondamente l’industria tessile, perché molto resistente. Accanto ci sono le polipropileni, conosciute per la loro capacità di mantenere la pelle asciutta al punto da essere impiegate spesso nella produzione di pannolini (un indumento certamente molto caratterizzato da umidità). La microfibra infine viene impiegata più nella biancheria, come per gli asciugamani sportivi, e per l’intimo, visto la grande capacità di aderire al corpo. Queste fibre, tutte quelle riassunte, sono largamente diffuse nel settore e si trovano sotto forma di indumenti intimi, magliette, canotte e in tante derivazioni dell’abbigliamento per lo sport. Alcune sono più aderenti, altre maggiormente larghe e leggere. Ovviamente la scelta finale dipende dai vostri gusti. Quindi cercatele, sceglietele e infine amatele.