Nuove regole per una maggiore sicurezza

nuove regole del rugby
istockphotos

In discussione alcune modifiche al regolamento del rugby per ridurre il rischio di incidenti sul campo

Il gioco del rugby potrebbe cambiare a breve. Una rosa di esperti, giocatori, allenatori, arbitri, rappresentanti delle competizioni più importanti che va a comporre il Law Review Group (LGR) del World Rugby sta infatti studiando alcune modifiche al regolamento. Che, si suppone, dovrebbero diventare effettive dopo la World Cup del Giappone ed entro quella francese del 2023. Alcune proposte saranno sperimentate in competizioni sotto forma di close trial, altre per il momento sono in stand-by e richiedono ulteriori riflessioni. Ancora nulla è definitivo dunque, ma è già noto attorno a quali nodi centrali vertono le possibili nuove regole.

Leggi anche: In campo con gli occhiali

Ultimo aggiornamento il 20 Ottobre 2019 13:47

Le possibili nuove regole del rugby

Il focus del cambiamento sta nel rendere questo sport più sicuro. Tutte le valutazioni del LRG mirano a ridurre le possibilità di infortunio. In particolare è il placcaggio ad essere oggetto di riflessioni, in quanto risulta che questa azione è responsabile del 50% degli infortuni sul campo e del 76% delle concussioni (il 72% subite dal giocatore che placca). World Rugby stima che gli infortuni siano aumentati anche a causa del prolungamento dei tempi di gioco rispetto a 3 decadi fa. In questo contesto uno dei cambiamenti al regolamento potrebbe essere quello di ridurre l’altezza del placcaggio. Ovvero, i giocatori potranno placcare solo dai fianchi in giù, per ridurre il rischio di colpi alla testa. Al momento questa è una delle nuove regole che verrà sperimentata in close trial.

Altra importante modifica è la cosiddetta 50:22, che riguarda l’ampliamento dello spazio sulla linea difensiva per ridurre i contatti. Anche questa regola, ancora non definitiva, è oggetto di sperimentazione. Proposte e bocciature stanno al momento obbligando ad approfondire la riflessione sul tema del breakdown e della ruck. Si propone inoltre di ridurre le possibili sostituzioni, ma questa modifica è al momento in stand-by. Sperimentale l’applicazione della nuova regola sul cartellino giallo durante il sin bin: la sanzione potrà essere cambiata in cartellino rosso se necessario. Ancora, altre proposte saranno prese in considerazione nei prossimi summit del LGR. Come la possibilità di introdurre una penalità quando una squadra raggiunge un limite di sanzioni.