Inter, Conte è una furia: “Dall’arbitro avrei voluto più rispetto”

All’Inter resta l’amarezza per il gran primo tempo del Camp Nou e per il gol di Lautaro cancellati dalla doppietta di Suarez. Ma Antonio Conte a fine partita, oltre ad applaudire i suoi giocatori (“Abbiamo ribattuto colpo su colpo”), ha attaccato l’arbitro, lo sloveno Skomina.

A far infuriare i tifosi nerazzurri un contatto in area tra Arthur e Sensi che il direttore di gara non ha voluto rivedere al Var. Ma non solo. A infastidire Conte è stata l’intera gestione della partita: “Tante cose non mi sono piaciute. Non mi va di parlarne. È una sensazione – ha raccontato a fine partita il tecnico – che abbiamo avuto in panchina fin dall’inizio. Non mi è piaciuta. Sulla loro casacca c’è scritto ‘rispetto’ e loro devono avere rispetto per chi viene qui e gioca a calcio. Il rispetto deve essere reciproco”.

VIDEO: Conte contro l’arbitro: “Ho avuto fin dall’inizio una sensazione di disagio”

Toni che l’allenatore dei catalani Ernesto Valverde ha cercato di smorzare complimentandosi con i nerazzurri, nonostanze abbiano ottenuto un solo punto in due partite: “Loro sono un top club, hanno vinto tutte le prime sei giornate in Serie A. Nella ripresa, però, il nostro gioco è diventato più veloce e la partita è cambiata”.

La rapidità del gioco del Barcellona è aumentata, e non è una novità, grazie a Messi, recuperato all’ultimo dopo un problema muscolare. “Messi è unico – ha confessato il tecnico a Sky -, abbiamo sempre bisogno di lui. Deve recuperare la forma fisica. È un giocatore importante e si è visto sul secondo gol con l’assist per Suarez”.