F1, Gp Giappone: trionfa Bottas davanti a Vettel. Alla Mercedes il mondiale costruttori

Valtteri Bottas ha vinto il gp del Giappone di Formula 1. La Mercedes ha preceduto la Ferrari di Sebastian Vettel. Il tedesco era partito in pole davanti al compagno di scuderia Leclerc, finito sesto e sotto indagine per un contatto a inizio gara con Verstappen. Terzo Hamilton. Quarto posto per la Red Bull di Alexander Albon, che chiude davanti allo spagnolo della McLaren Carlos Sainz.

Mondiale costruttori alla Mercedes

Complice il sesto posto di Leclerc, la Mercedes si aggiudica il mondiale costruttori con quattro gare d’anticipo. Le Frecce d’argento conquistano questo titolo per la sesta volta nella propria storia. Hamilton e Bottas hanno messo insieme, fin qui, 612 punti, lasciando la Ferrari a 435 e la Red Bull a 323. “Sono fiero di far parte di questo team, il sesto titolo consecutivo è impressionante – ha detto Bottas a fine gara -. Eravamo vicini in qualifica ma partire in terza posizione non era facile, ma non ho mollato. Abbiamo avuto un’opportunità sin dalla partenza e l’abbiamo colta. Sono riuscito a passare Vettel e ad avere un ottimo passo. Mi sono davvero divertito e mi sono goduto questa gara”.

Lewis Hamilton avrà invece in Messico il match point per vincere la classifica piloti. L’inglese ha 338 punti ed è seguito da Bottas (274) e Leclerc (223). Vettel affianca Verstappen a 212 punti. Ma ancora nulla va dato per scontato. “Se la seconda sosta mi ha privato della battaglia con Bottas? No – ha spiegato Hamilton – perché abbiamo sempre potuto battagliare dall’inizio del campionato e lo faremo fino alla fine”.

Contatto Verstappen-Leclerc sotto indagine

Charles Leclerc, sesto, è finito sotto la lente d’ingrandimento della Fia. In partenza c’è stato un contatto che ha messo fuorigioco Max Verstappen, costretto al ritiro. ”La partenza? Le luci sono rimaste accese tanto tempo e ho commesso un errore, ho perso l’inerzia e alla fine è andata anche peggio di una falsa partenza. È stata – la versione del pilota della Ferrari a fine gara – una partenza davvero pessima e poi è stato difficile perché le Mercedes erano molto veloci in gara e soprattutto alla fine dello sprint avevano un passo più veloce del nostro. Bottas volava letteralmente’.’

Ferrari, dalla pole al disastro

Da una prima fila conquistata con forza e determinazione al mattino, a una partenza da incubo che ha gettato tutto al vento. Le Ferrari si sono suicidate al via del Gp di Suzuka. Vettel è incappato in una mezza falsa partenza che ha permesso a Bottas di sopravanzarlo, mentre Leclerc è rimasto impaurito da un possibile sorpasso all’esterno di Verstappen nelle prime curve e lo ha colpito rovinando l’ala anteriore e lo specchietto sinistro della sua rossa. E le Mercedes ne hanno approfittato, senza fare sconti.

Il tifone Hagibis

Protagonista assoluto del Gp del Giappone è stato il tifone Hagibis. Il suo arrivo in Estremo Oriente ha fatto annullare la partita del mondiale di rugby tra Italia e Nuova Zelanda e stravolto il programma della Formula Uno. Mentre le prove libere del venerdì si sono svolte regolarmente, con le due Mercedes al comando, le qualifiche sono state sposate da sabato a domenica mattina, poche ore prima del via del Gran Premio. Tappa del mondiale che, alla fine, Hagibis ha permesso di correre regolarmente.