Eurolega, Milano vince sulla sirena in casa del Panathinaikos. Cska e Barça in testa, tonfo Real

Ci sarebbe voluta una vittoria fuori casa anche in Europa per confermare quanto di buono lasciato intuire dalla Olimpia Milano nella partita contro lo Žalgiris. E così è stato, sebbene il risultato sia rimasto in bilico fino al termine di una partita davvero emozionante. Come conferma il tabellino, che alla fine recita Panathīnaïkos – AX Armani Exchange Milano 78-79, grazie a due tiri liberi a 8 secondi dalla sirena messi a segno da un imperturbabile Moraschini.

Micov trascina, Moraschini chiude

Di nuovo un primo quarto positivo per il quintetto iniziale, composto da Scola, Micov, White, Brooks e Rodriguez. Eppure tra infortuni e alti e bassi di un match sostanzialmente e incredibilmente equilibrato, all’intervallo le due squadre sono in parità sul 38-38. E l’inerzia della partita non cambia successivamente, visto che anche la terza frazione vede un leggerissimo vantaggio per Milano, che chiude sul 46-49 grazie a Micov.

Della conclusione abbiamo detto, ma più che il ritorno in partita di un altalenante Moraschini, forse ci sarebbe da ringraziare Calathes (miglior realizzatore, con 23 punti), che dopo aver portato i campioni ellenici del Panathinaikos sul 78-77 a soli 26 secondi dalla fine è riuscito a sbagliare il tiro decisivo subito dopo l’ultimo time out.

D’altronde Messina l’aveva predetto: “Il Panathinaikos è una squadra profonda, che gioca con tanta energia. La presenza di Calathes rappresenta un test severo per la nostra difesa sul pick and roll. Coesione, difesa di squadra e controllo dei rimbalzi saranno essenziali”. Anche se alla fine c’è da ringraziare più l’Mvp Micov della ventottenne guardia italiana ‘della provvidenza’.

CSKA, Real e le altre

In attesa del Barcellona, in classifica guida il CSKA Mosca, unica a punteggio pieno dopo la vittoria per 99-86 nel derby col Khimki. Non pervenuto il Real Madrid, protagonista negativo della sorpresa più grande della giornata e sconfitto per 86-73 in casa dello Žalgiris Kaunas. Impossibile non sottolineare la grande prova di Nando De Colo, i cui 39 punti permettono al Fenerbahçe di superare il Saski Baskonia per 87-80, e la prima vittoria del Maccabi Tel Aviv, per quanto riesca a piegare la Stella Rossa 84-69 solo dopo un supplementare.

Registrata anche la buona prova del Bayern Monaco, con cinque uomini in doppia cifra e ottime percentuali che le permettono di superare agevolmente l’ASVEL per 104-63. Nelle partite di venerdì successo del Barcellona, che raggiunge il CSKA in vetta, dell’Efes in casa del fanalino di coda Valencia e primi punti per lo Zenit, passato in Grecia contro l’Olympiakos 68-77.

I risultati della 3ª giornata

CSKA Mosca – Chimki       99-86

Žalgiris Kaunas – Real Madrid   86-73

Fenerbahçe – Saski Baskonia    87-80

Maccabi Tel Aviv – Stella Rossa 84-69

Bayern Monaco – ASVEL  104-63

Panathīnaïkos – Olimpia Milano     78-79

Olympiakos – Zenit S. Pietroburgo   68-77

Barcellona – Alba Berlino     103-84

Valencia – Anadolu Efes      78-83

 

Classifica: CSKA e Barcellona 6 punti, Bayern Monaco, Khimki, Real Madrid, AX Armani Exchange, ASVEL, Efes 4 punti, Alba Berlino, Olympiacos, Stella Rossa, Panathinaikos, Baskonia, Zalgiris, Maccabi, Fenerbahce, Zenit 2 punti, Valencia 0 punti.