Mancini guarda la Serie B. Cinque talenti sono pronti a esplodere e a vestire l’azzurro

Linea verde per l’Italia del calcio. Non solo per il colore della maglia utilizzata dalla Nazionale contro la Grecia il 12 ottobre, ma anche per i tanti talenti che stanno avendo la possibilità di giocare. La Serie B, in particolare, è  il trampolino di lancio per molti giovani calciatori. Un serbatoio importante, da cui il ct Roberto Mancini (e le squadre di Serie A) possono attingere. La lista è davvero lunga, ma ci sono cinque talenti che danno l’impressione di poter affermarsi quanto prima nel massimo campionato.

Marco Carnesecchi e la “scuola Atalanta”

La squadra di A con più giovani a farsi le ossa in B è l’Atalanta, società dal vivaio storicamente prolifico. Tanti “figli di Zingonia” animano la Serie B 2019/20, pronti a misurarsi con il calcio professionistico. Il più promettente sembra essere Marco Carnesecchi, portiere in forza al Trapani. Partito in panchina, l’estremo difensore classe 2000 si è guadagnato il ruolo di titolare tra i pali a suon di prestazioni convincenti. Grande capacità quindi di sfruttare al meglio ogni singola chance. Una qualità mostrata anche al Mondiale Under 20 quando, nell’unica gara disputata (ai gironi contro il Giappone) ha parato un rigore e tenuto a galla i suoi compagni in più di un’occasione.

Carnesecchi è solo uno dei numerosi ragazzi che stanno trovando spazio in B dopo aver frequentato la scuola atalantina. La lista comprende Andrea Colpani (Trapani), Enrico Del Prato (Livorno), Christian Capone (Perugia), Alessandro Mallamo, Salvatore Elia (tutti e due alla Juve Stabia), Nadir Zortea (Cremonese) e Filippo Melegoni (Pescara).

Davide Frattesi: un “box to box” per l’Empoli

L’Empoli riparte dai giovani per tornare nella massima serie. Obiettivo alla portata dei toscani, che possono vantare in rosa talenti dal sicuro avvenire. Su tutti Davide Frattesi, centrocampista cresciuto nella Roma. Il classe ’99, di proprietà del Sassuolo e reduce da un’annata positiva all’Ascoli, non ci ha messo molto a prendersi il centrocampo empolese. Determinante sia in fase d’interdizione che con le sue incursioni in area, Frattesi ha segnato due gol nelle prime sette giornate. Un mix tra fisicità e qualità: doti che, se accompagnate dalla giusta tenuta mentale, non possono che portare il talento scuola Roma ad affermarsi nel calcio che conta.

Tommaso Pobega: inizio sprint col Pordenone

Ci sono giovani che hanno bisogno di tempo per ambientarsi in Serie B, mentre altri che sembrano essere nati in questa categoria. Appartiene al secondo gruppo Tommaso Pobega, tra le più belle novità di questo inizio di stagione. Grazie a una buona stagione in Serie C con la Ternana, il centrocampista classe ’99 si è guadagnato la chiamata del Pordenone (debuttante in B). Con i ramarri ha totalizzato 3 gol e 2 assist in sei gare di campionato: inizio col botto per il talento scuola Milan.

Tutti vogliono Emmanuel Vignato

Un anno in B per forgiare fisico e carattere, nonostante le pretendenti siano già tante. Il talento in questione è Emanuel Vignato, trequartista classe 2000 in forza al Chievo. Nella scorsa stagione, dopo aver cominciato con la Primavera clivense, si è guadagnato la promozione in prima squadra e i primi scampoli di grande calcio (10 presenze e 1 gol). Numeri che hanno ingolosito club importanti, sia in italia (Juventus, Inter e Milan), che all’estero (Bayern Monaco e Chelsea). Il Chievo però ha resistito, puntando sulle qualità del talento nato a Negrar per l’immediata risalita in A. Vignato si è calato alla grande nella realtà cadetta, dando con discreta continuità il suo contributo in termini di qualità e imprevedibilità in fase offensiva.

Gianluca Scamacca: ad Ascoli il futuro 9 azzurro?

Piccoli numeri 9 crescono. La mancanza di un vero centravanti è uno dei leitmotiv ricorrenti nelle discussioni sulla Nazionale. Tra i talenti da tenere d’occhio c’è Gianluca Scamacca, formatosi tra Italia e Olanda. Nel recente Mondiale Under 20, pur non andando in gol, si è messo in mostra come attaccante completo, in grado di far salire la squadra e tenere in apprensione la difesa avversaria. Le reti sono arrivate in serie all’inizio di questa stagione, con le maglie di Ascoli e Under 21. Uno dei tanti fiori pronti a sbocciare in quel vasto prato chiamato Serie B.