Agnelli: “È l’anno zero della Juventus. Allegri determinante per la nostra crescita”

“Per la Juventus questo deve essere considerato un nuovo anno zero. Vogliamo pensare in grande. L’obiettivo dell’aumento di capitale era volto al risanamento societario, che è stato completato. Ora dobbiamo pensare allo sviluppo della società con un orizzonte di lungo periodo”. Andrea Agnelli, presidente bianconero, ha parlato del futuro della società a margine dell’assemblea degli azionisti, che si è tenuta all’Allianz Stadium, per approvare il bilancio 2018-2019 e l’aumento di capitale di 300 milioni.

“Investimenti per 400 milioni di euro”

“La nostra, vostra società ha investito circa 400 milioni in investimenti diretti. Lo Stadium per 180 milioni, la nuova sede, il JTC, il J Medical. Circa 100 milioni attraverso il J Village, 90 milioni per l’area est. Abbiamo avuto un grande impatto occupazionale – ha spiegato Agnelli -, poche aziende in Italia hanno assunto come noi in questi anni. Dal 2010/2011 siamo passati da 85 dipendenti a 258 per un totale oggi di 885 persone che lavorano in Juventus, compresi i calciatori”.

Obiettivo quarto posto

Nel 2010 la Juventus occupava il 43esimo posto nel ranking Uefa, adesso è quinta. “L’obiettivo – ha dichiarato il presidente bianconero – è arrivare alla fine di questa stagione al quarto posto, superando il Bayern Monaco. Nei prossimi anni – ha proseguito – vogliamo mantenere la leadership sportiva in Italia e competere sempre al più alto livello in Europa, restando tra i primi 12 club come livello di fatturato, consolidando i risultati economici e finanziari”.

“Ringrazio Allegri”

Massimiliano Allegri ha dato un contributo determinante nella crescita della Juventus”. Così come Giorgio Chiellini e Andrea Barzagli, “gli unici a vincere 8 scudetti consecutivi”. Poi un pensiero al suo campione, Cristiano Ronaldo. “Mi auguro che quest’anno vinca di nuovo il Pallone d’Oro: lo merita”.