Napoli, niente Spal per Manolas: “Sento dolore, ma il gruppo è unito e il bello deve ancora venire”

Un’infrazione alla costola non permetterà a Kostas Manolas di scendere in campo a Ferrara contro la Spal. Ma il difensore del Napoli crede fortemente nei suoi compagni. “Sento ancora dolore, ma sono certo che disputeremo un’altra grandissima partita. Sarà una sfida difficile dalla quale, però, vogliamo trarre il massimo”.

“Siamo un gruppo unito e forte che non ha ancora espresso pienamente la propria potenza – ha detto l’azzurro a Radio Kiss Kiss -. A Salisburgo abbiamo dimostrato carattere e qualità, bisognava vincere e ci siamo riusciti, cercando sempre il gol. L’abbraccio a Carlo Ancelotti? “È la testimonianza di quanto noi siamo legati al nostro allenatore. In questi giorni – ha proseguito il greco – ho letto di uno scenario catastrofico che ci sarebbe nel nostro spogliatoio. Invece, tra noi non c’è alcun problema, siamo uniti e solidi”.

Sul turnover ampio di Ancelotti, finito sotto accusa. “Il mister ci fa sentire tutti titolari e questo è un aspetto molto importante. Ogni elemento della rosa è fondamentale per il nostro rendimento. L’organico del Napoli è profondo e competitivo. Credo che qui ci siano tanti leader e ognuno conferisce il proprio apporto anche umano”.

Infine una battuta sul compagno di reparto, Kalidou Koulibaly. “È un giocatore fortissimo, gli faccio i complimenti per essere entrato nella lista del Pallone d’Oro. Giocare al suo fianco è straordinario”.