Conte: “Per l’Inter non deve esistere casa o trasferta, anche se a Dortmund la spinta del pubblico è forte”

Antonio Conte suona la carica, l’Inter a Dortmund cerca il pass virtuale per gli ottavi di finale di Champions League. I nerazzurri, appaiati con i tedeschi a quota 4 punti nel girone di ferro che comprende anche Barcellona e Slavia Praga, con una vittoria in casa del Borussia sarebbero vicinissimi alla qualificazione: basterebbero a quel punto 3 punti, da conquistare a Praga o in casa contro il Barça, dato lo scontro diretto favorevole con i tedeschi di Lucien Favre. “Il Barcellona ha già ipotecato un posto per il passaggio del turno quindi ora ce la giocheremo con il Borussia, la partita di domani è decisiva”, tuona Conte in conferenza stampa.

“Le sei vittorie in trasferta in campionato lo dimostrano, per noi non esiste casa o trasferta, scendiamo in campo sempre per vincere anche se qui è molto difficile sia perché incontriamo una squadra importante, da tanti anni in Champions, sia perché la spinta del pubblico è molto forte ed è un fattore”, ha continuato il tecnico. “Se sarà una partita difensiva, sarà solo perché il Borussia ci avrà costretto a farla. Ma chi si aspetta una gara in un’unica direzione da parte nostra, è sulla strada sbagliata. Anche per una questione di caratteristiche, non abbiamo grandi calciatori di ripartenza, le occasioni dobbiamo costruirle”.

Passando al campo l’allenatore salentino non scioglie il dubbio su Sensi, anche se apre a un suo utilizzo: “Stefano è recuperato ed è a disposizione, faremo delle valutazioni e decideremo”. Chi non è a disposizione a centrocampo è invece Roberto Gagliardini. “Lui, Asamoah e D’Ambrosio non saranno della partita”, annuncia il tecnico.

Anche in casa Borussia ci sono dubbi di formazione. Marco Reus è uscito infortunato dall’incontro di Bundesliga contro il Wolfsburg ed è in forte dubbio. Al momento le chance di vederlo in campo contro l’Inter sono poche. Potrebbe giocare invece il bomber spagnolo Paco Alcacer, che nell’ultima giornata di campionato è entrato nei minuti finali dopo un infortunio che gli aveva fatto saltare anche la trasferta di Milano contro l’Inter.