Eurolega, Efes in fuga. Il Cska stoppa il Barcellona. Milano, terzo ko nelle ultime 4 partite

eurolega efes in fuga

La terza sconfitta nelle ultime quattro partite di Eurolega, la seconda consecutiva (dopo quella casalinga con l’Anadolu Efes), segna un momento preoccupante per l’Olimpia Milano. Il 91-70 subito dai greci dell’Olympiakos nello Stadio della pace e dell’amicizia di Atene è un risultato talmente netto da non ammettere repliche. Ma una reazione a questo punto diventa indispensabile visti i risultati delle altre squadre, che riportano gli italiani nel gruppo degli inseguitori del terzetto di testa (Efes in fuga) mettendo a rischio la qualificazione.

L’Armani resiste solo metà gara

È ancora presto per preoccuparsi o dare verdetti definitivi, ma l’inversione di tendenza – dopo le sei vittorie consecutive che avevano fatto ben sperare – è comunque un campanello d’allarme, che Ettore Messina farà bene ad ascoltare. Soprattutto in vista dei match a venire, che vedranno i lombardi giocare in trasferta due delle prossime tre gare.

Contro “la miglior formazione dell’intera EuroLeague nel gioco in post basso, – aveva detto il coach italiano, – la difesa dentro l’area sarà fondamentale”. E fino all’intervallo i suoi sembravano esser riusciti a tenere alta la concentrazione. Dopo un buon primo quarto, chiuso in vantaggio per 15-19, e un secondo nel quale i 12 punti di Papanikolaou avevano iniziato ad aprire crepe e le proteste di Messina per un mancato fallo fischiato dagli arbitri avevano mandato tutti al riposo sul 40-37.

Ma a perdere il duello con gli avversari è stato soprattutto l’attacco, sovrastato ai rimbalzi e surclassato dalle discese di Baldwin e Paul, che determinano il parziale di 31-16 che chiude la terza frazione sul 71-53. 18 punti ‘sopra’ per i greci, che nel rush finale controllano, e allungano ancora, vincendo meritatamente nonostante i 14 punti di Rodriguez.

Incredibile Efes, il CSKA stoppa Barcellona

Ora si spera nell’incontro di martedì 5 dicembre contro la Stella Rossa per riprendere il giusto ritmo, anche se il 76-73 inflitto al Valencia potrebbe aver dato fiducia ai serbi. La loro è stato solo uno dei tanti successi casalinghi, in una giornata che ha visto l’Efes prendere il largo. Grazie soprattutto alla clamorosa – ma non troppo – sconfitta in casa del Barcellona ad opera del CSKA Mosca nel big match di questo turno.

Le vittorie del Maccabi e del Panathinaikos di Rick Pitino inseriscono le due squadre tra le otto potenziali qualificate ai play-off. Dietro di loro non molla un Fenerbahce in buon recupero che supera il Khimki anche grazie ai 20 punti di Datome.

I risultati della 11ª giornata

Fenerbahçe – Khimki                   89-76

Stella Rossa – Valencia               76-73

Alba Berlino – Žalgiris Kaunas   69-62

Panathīnaïkos – Saski Baskonia         100-68

Maccabi Tel Aviv – ASVEL 93-62

Zenit – Real Madrid             71-86

Anadolu Efes – Bayern Monaco          104-75

Olympiakos – Olimpia Milano      91-70

Barcellona – CSKA Mosca          67-96

Classifica: Efes 18 punti; Barcellona e Real Madrid 16; Milano, Maccabi, CSKA e Panathinaikos 14; Khimki 12; Baskonia, Olympiakos, Asvel 10; Stella Rossa, Fenerbahçe, Valencia, Alba Berlino e Bayern 8; Žalgiris 6; Zenit 4.