Corsa scudetto, super sfida Napoli-Inter mentre la Juve riparte dal Cagliari. Conte: “Gattuso è sottovalutato”

napoli-inter

Ricominciare. L’Inter e la Juventus hanno chiuso il 2019 in testa al campionato di Serie A. I nerazzurri passeggiando sul Genoa dell’ormai ex Thiago Motta, i bianconeri vincendo in casa della Sampdoria ma perdendo la finale di Supercoppa contro la Lazio. Il duello dei due club in vetta continua a distanza, con la Juventus impegnata allo Stadium con il Cagliari e l’Inter ospite del Napoli.

Ma gennaio è un mese particolare, influenzato dalle voci di mercato. La notizia delle ultime ore, rilanciata dai giornali britannici, vorrebbe addirittura l’Inter su Paul Pogba. Insomma, come dimostra l’operazione Dejan Kulusevski, soffiato a Marotta da Paratici, la competizione tra le due società si rinnova giorno dopo giorno, e non solo in campo. Strappare Pogba alla Juventus, che vorrebbe riportare il francese a Torino, sarebbe l’ennesimo capitolo sorprendente di una lunga saga.

Conte: “Gattuso al Milan sottovalutato”

Il lavoro di Antonio Conte, sin qui, è stato riconosciuto da tutti. Ha messo a posto uno spogliatoio mai così unito dal Triplete in poi. La qualità è buona ma non eccelsa, sicuramente l’Inter è meno forte della Juventus, ma la classifica vede le due squadre appaiate. E questo è merito dell’allenatore salentino, che alla vigilia della trasferta di Napoli ha parole al miele per il collega Gennaro Gattuso. “Il Napoli ha cambiato tecnico e dovremmo fare molta attenzione perché è un’ottima squadra con un allenatore che ha grande passione per il calcio e ha grande voglia. È partito dalla gavetta e ha giocato campionati vari, in serie inferiori e all’estero. Ho rispetto per lui, per quello che si è costruito con le sue mani. Il lavoro che ha fatto al Milan è stato sottovalutato”. La partita tra Napoli e Inter non vedrà tra i protagonisti Dries Mertens, non convocato per un problema muscolare.

Mercato, Conte passa la palla all’Inter

Impossibile non provare a interrogare Conte sul mercato, soprattutto dopo la voce arrivata dall’Inghilterra, che vorrebbe l’Inter su Pogba e il Manchester United interessato a Lautaro Martinez. Ma niente da fare: “Non parlo di giocatori che militano in altre squadre per rispetto degli altri e anche dei miei calciatori”. Secondo la stampa britannica, ci sarebbe già il sì del francese, esploso alla Juve con Conte in panchina.

Un altro alfiere di quella squadra era Arturo Vidal, ma l’allenatore dell’Inter ribadisce il suo essere restio a parlare di mercato. “Dopo sei mesi abbiamo fatto valutazioni di mercato tutti insieme, il club conosce la situazione e io sono qui per valorizzare quello che mi viene messo a disposizione. Sta alla società fare le decisioni e saranno le migliori per il bene del club”.

Sarri: “Contro la Lazio troppi errori”

Maurizio Sarri ha visto sfumare la possibilità di alzare il suo primo trofeo con la Juventus perdendo (e male) la finale di Supercoppa contro la Lazio. L’allenatore bianconero, nella conferenza stampa della vigilia del ritorno in campo contro il Cagliari, ha analizzato quella sconfitta: “È stata una partita completamente sbagliata mentalmente, prima che tecnicamente e tatticamente. C’è bisogno di lavorare su questo”.

Contro la Lazio il tridente pesante non ha convinto, con Gonzalo Higuain apparso decisamente in difficoltà. Col Cagliari verrà riproposto? “Vedremo domani, c’è anche Aaron Ramsey che è un’opzione ed è in crescita. Dobbiamo fare attenzione perché i centrocampisti del Cagliari possono essere la base delle loro ripartenze”. Gli altri dubbi di formazione riguardano la difesa. Matthijs De Ligt potrebbe tornare titolare al fianco di Leonardo Bonucci, con Merih Demiral in panchina. Out anche Rodrigo Bentancur, squalificato, così come gli infortunati Giorgio Chiellini e Sami Khedira. Chance per Adrien Rabiot.

Alla Juventus piace Emerson

Il mercato della Juventus si è aperto con l’acquisto di Kulusevski, preso dall’Atalanta ma lasciato in prestito al Parma fino a fine stagione. Inter beffata, ma il duello di mercato non finisce qui. “Kulusevski? Importante che la società sia arrivata prima degli altri, averlo subito a gennaio è un qualcosa che non rientra nelle mie competenze, mi pare che non ci fossero le condizioni, ma quel che conta è che la società sia attenta a giovani di grandi prospettive e che riesca ad arrivare prima degli altri”. Queste le parole di Sarri, ma ovviamente i tifosi aspettano il grande colpo per puntare a vincere e a convincere.

La dirigenza ha messo nel mirino Paul Pogba, su cui sembra piombata anche l’Inter. La Juventus offre 70 milioni più il cartellino di Rabiot. Il francese non è l’unico obiettivo. Paratici sa che serve anche un esterno sinistro, e il nome in cima alla lista è quello di Emerson Palmieri, allenato al Chelsea da Sarri. L’ex Roma potrebbe arrivare a giugno, ma sarebbe un tassello di assoluto valore se affiancato ad Alex Sandro già da questa sessione.