Federer e Nadal, show per 50mila in Sudafrica. Vincono lo svizzero e la sua fondazione benefica

federer nadal sudafrica

La prima volta di Roger Federer e Rafael Nadal in Sudafrica non ha deluso le aspettative. King Roger ha vinto la serata di beneficenza davanti a un pubblico vastissimo per il tennis: circa 50mila persone presenti al Cape Town Stadium. La sesta edizione di Match for Africa, la prima della Roger Federer Foundation giocata nel Paese e per questo rinominata Match in Africa, è stata però una vera e propria sfida Fedal, seppure light.

Condizioni meteo non ottimali

Meteo con molto vento e punti di riferimento stravolti a causa della grandezza del campo. Però dove è mancata la sicurezza delle abitudini ha compensato il cuore. Quello degli spettatori con tanto di ola e quello dello svizzero che al Paese è legato in modo particolare. La madre Lynette è infatti nata vicino a Johannesburg e la famiglia Federer ha passato più di un’estate in Sudafrica. Perciò il campione era doppiamente felice di essere riuscito a portare l’iniziativa in un luogo così speciale per lui e per la Fondazione che porta il suo nome.

Il match e le gag

Roger ha dominato la partita all’inizio complice anche il vento poco favorevole a entrambi ma che Rafa sembra aver sofferto di più. Atmosfera rilassata, colpi che passano sotto le gambe o si tengono sottorete per divertire il pubblico, una pallina steccata dallo spagnolo che finisce in tribuna, qualche presa in giro bonaria. ‘Dopo te la faccio vedere io’ dice Roger in risposta a uno smash insidioso di Rafa. Questa è l’atmosfera.

Il primo set lo vince Federer 6 a 4. Nel secondo Nadal accelera e va in vantaggio, poi prende addirittura il largo con 4 a 1. Segue momento ludico in cui due raccattapalle si sostituiscono ai campioni per uno scambio. Federer recupera, ma il secondo set si chiude a vantaggio di Nadal. Si gioca tutto nel terzo. Lo svizzero davanti per 4 a 1 chiude infine con un 6 a 4 spettacolare che spinge Nadal a scavalcare la rete e cementare il tutto con un abbraccio.

Il futuro di Roger nella beneficenza

Una nota amara nell’atmosfera leggera: il lento palesarsi del piano b dello svizzero dopo il tennis. È infatti facilmente ipotizzabile che la sua probabile prossima occupazione a tempo pieno sarà quella di seguire da vicino la Roger Federer Foundation. Ma non sarà il 2020 l’anno della tristezza. Prossima tappa importante di Roger è Wimbledon, dove il numero 3 ha dichiarato di voler vincere in maniera particolare. Tra qualche giorno invece lo aspetta Dubai. In fondo la stagione è appena iniziata e di Fedal competitivi per davvero potrebbero essercene altri. Ed è quello che sperano in tanti.